06.267.86.89 cell.347.734.3964

Visite culturali guidate a luoghi segreti del Lazio del Sentiero degli Elfi di Roma

Visite culturali guidate a luoghi segreti del Lazio del Sentiero degli Elfi di Roma
  LINK youtube: CLICCA QUI PER INIZIATIVE EFFETTUATE!
https://www.youtube.com/channel/UCyn20ApNJy4NTfm6wfnbRiw

Visite culturali guidate a luoghi segreti del Lazio del Sentiero degli Elfi di Roma.

SABATO 29/1 – VISITA CULTURALE GUIDATA- DAL MEDIOEVO AI BORGIA- NEPI LUOGHI SEGRETI DI STORIA E DI ARTE.(VT)

per filmati visita precedente effettuata dagli Elfi a Nepi clicca sotto

https://youtu.be/LazIo8qnJHrKQ

https://youtu.be/7HuDvlt2Pvk

https://youtu.be/dkm-liPUIOs

https://youtu.be/LazIo8qnrKQ

https://youtu.be/RVZcR4gDV9I

 SABATO 29/1 –  VISITA CULTURALE GUIDATA- DAL MEDIOEVO AI BORGIA- NEPI LUOGHI SEGRETI DI STORIA E DI ARTE.(VT)

Entreremo ( Apertura Speciale ) nella Fortezza Borgiana, il castello di Lucrezia Borgia, un affascinante e vasto complesso ricco di storia e suggestioni. Scenderemo, camminando nella storia, negli imponenti Sotterranei della Rocca che conservano la millenaria stratificazione dell’edificio fortificato,  con le antiche porte di accesso alla vecchia città romana, una strada basolata. Visiteremo ( Apertura Speciale ) l’antichissima Chiesa di S. Biagio, risalente al 10° sec., affascinante per la sua storia, le sue decorazioni, i suoi affreschi dell’abside e del ciborio gotico, arricchita da una antichissima cripta decorata con affreschi. Scenderemo nelle Catacombe di  S. Savinilla, uno dei più importanti complessi funerari dell’Italia Centrale per la sua vastità e  monumentalità, conserva iscrizioni paleocristiane dipinte e graffite e affreschi medievali. Ammireremo l’imponente Basilica dell’Assunta, con la sua storia millenaria, che racchiude, tra l’altro, opere del Pastura e del Venusti. Entreremo, infine, ( Apertura Speciale ) nel Rinascimentale Palazzo del Comune, fatto costruire dal Duca Pier Luigi Farnese che affidò il progetto ad Antonio da Sangallo il Giovane, per ammirare, tra l’altro, i dipinti che adornano la Sala Nobile.

PROGRAMMA

– Visita della Catacomba di Santa Savinilla

mini_CATACOMBE SANTA SAVINILLA NEPI mini_CATACOMBE SANTA SAVINILLA NEPI (3) mini_CATACOMBE SANTA SAVINILLA NEPI (2)LA CATACOMBA RECA IL NOME DI SANTA SAVINILLA, matrona che, secondo la tradizione avrebbe fatto seppellire all’interno del terreno di sua proprietà i corpi dei santi patroni di Nepi Tolomeo e Romano. Seppur di estensione limitata rispetto agli analoghi cimiteri di Roma, la catacomba di Santa Savinilla si distingue per la sua monumentalità. Le gallerie, infatti, raggiungono l’altezza di circa 3.50 metri, del tutto inconsueta per una struttura di questo tipo. Al suo interno tombe “a mensa”, tombe “ad arcosolio”, “formae” pavimentali, nicchioni funerari e semplici loculi per un totale stimato a più di mille sepolcri.

La tipologia delle sepolture, i dati epigrafici e l’analisi dei materiali ceramici rinvenuti permettono di datare il momento di utilizzo della catacomba all’inizio del IV  sino  alla prima metà del V secolo. Alla catacomba si accede dalla chiesa di San Tolomeo realizzata fra la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo.

– Visita dei principali monumenti del centro storico:

 Il Forte dei Borgia

 ENTREREMO CON PERMESSO SPECIALE NELLA FORTEZZA BORGIANA, IL CASTELLO DI LUCREZIA BORGIA,  SALENDO SULLA TORRE (GUARDA VIDEO)E AMMIRANDO IL PANORAMA DEI TETTI DI NEPI E  E SCENDEREMO POI, CAMMINANDO NELLA STORIA, NEGLI IMPONENTI SOTTERRANEI DELLA ROCCA CHE CONSERVANO LA MILLENARIA STRATIFICAZIONE DELL’EDIFICIO FORTIFICATO, CON LE ANTICHE PORTE DI ACCESSO ALLA VECCHIA CITTA’ ROMANA, UN STRADA BASOLATA…

Fra i monumenti di Nepi, il “Forte dei Borgia” è sicuramente il più significativo.  Il castello nella tradizione popolare ha assunto il nome di “Forte dei Borgia” essendo intimamente legato all’importante famiglia di origine catalana. In realtà,  quanto oggi visibile è il risultato di sovrapposizioni che testimoniano della continuità storica che caratterizza la cittadina di Nepi.

mini_ROCCA DEI BORGIA NEPI

Il nucleo originale della rocca, infatti, poggia le fondamenta su una fortificazione di epoca romana posta a difesa del lato occidentale dell’abitato e di una delle principali porte di ingresso alla città.

mini_ROCCA DEI BORGIA NEPI (3)

ROCCA DEI BORGIA NEPI (2)

 Una torre trapezoidale fu aggiunta fra la metà del XII e la metà del XIII secolo. Importanti modifiche furono apportate fra il 1479 ed 1483. La fortezza fu dotata di locali residenziali ed altri se ne aggiunsero sul finire del 1499. Questi ampliamenti furono realizzati sotto Rodrigo Borgia al quale nel 1479 era stata concessa la proprietà di Nepi, confermata, poi, da una bolla di Innocenzo VIII dell’ottobre del 1484.

Le opere commissionate nel 1499 dovevano conferire un aspetto più marcatamente residenziale alla struttura in previsione della sua prossima donazione alla figlia Lucrezia, la cui presenza nel castello è documentata per l’anno successivo.

La  progressiva decadenza della struttura iniziò nel XVI secolo con l’abbandono della città da parte di Pier Luigi Farnese.

Il Duomo

DUOMO DI NEPI

Il Duomo Secondo la tradizione locale il Duomo, intitolato a Santa Maria Assunta, fu edificato sopra un tempio pagano. L‟edificio visibile attualmente è il risultato di una serie rifacimenti che hanno interessato la struttura sino al secolo scorso. Ad eccezione di alcuni elementi architettonici databili fra l‟VIII ed il IX secolo, le più antiche strutture conservate all‟interno della chiesa sono risalenti al XII secolo. A quest‟epoca sono riferibili la splendida cripta ad oratorium

mini_CRIPTA DEL DUOMO DI NEPI

e la parte inferiore del campanile. L‟edificio, inizialmente a tre navate, fra „500 e „600 fu sottoposto a vari interventi di restauro ed ampliamento.

Dopo il 1680 iniziarono i lavori della sopraelevazione del Coro, seguiti dalla realizzazione della quarta navata. Nel 1752 fu aggiunta la quinta navata, come ricorda l‟epigrafe che sormonta l‟ingresso laterale della chiesa lungo via Matteotti. La cattedrale subì gravi danni sul finire dell‟anno 1798, quando, il giorno 2 dicembre, le truppe francesi incendiarono parte della città. L‟opera di ricostruzione della chiesa si deve ad Anselmo Basilici, vescovo di Nepi dal 1818 al 1840. Gli affreschi che decorano il suo interno furono eseguiti, però, solo successivamente, fra il 1868 ed il 1873.

 DUOMO DI NEPI (2)

 DUOMO DI NEPI (3)

 

La Chiesa di San Biagio

La chiesa di San Biagio è menzionata per la prima volta in un documento risalente all’anno 950,  quando l’edificio era parte di un complesso benedettino occupato da monache di clausura, dipendente dal monastero di San Ciriaco in Via Lata a Roma.

Nel 1560 il monastero nepesino fu abolito e le sue strutture annese alla parrocchia di Santa Croce.

SAN BIAGIO NEPI (4)L’edificio si presenta ad un’unica aula. Sul lato sinistro del piano rialzato occupato dal presbiterio, un ciborio dedicato a San Biagio ed affrescato con pitture della fine del XV secolo. L’abside reca affreschi di epoca diversa, i più antichi risalenti al XII  secolo.

mini_SAN BIAGIO NEPI (2) mini_SAN BIAGIO NEPI (5)

Sotto il presbiterio c’è la bella cripta divisa in tre piccole navate da due slanciate colonne di reimpiego e decorata con un affresco del XIII SEC. raffigurante la Vergine introno con Bambino.mini_SAN BIAGIO NEPI (3)

 

 PALAZZO COMUNALE

Il Palazzo Comunale La costruzione del Palazzo Comunale ebbe inizio per volere del duca Pier Luigi Farnese nel dicembre del 1542. Il progetto originale, redatto dall‟architetto Antonio da Sangallo il Giovane, comprendeva il piano terra, preceduto da un porticato, ed un primo piano sormontato da una torretta ospitante l‟orologio. Nel 1727, a seguito della realizzazione dell‟acquedotto destinato a portare l‟acqua all‟interno della città, il porticato del palazzo fu arricchito da una fontana realizzata dall‟architetto Filippo Barigioni. Pochi anni più tardi, nel 1744, su progetto di Michele Locatelli, ripresero i lavori che portarono ad una sopraelevazione dell‟edificio, completato poi dall‟aggiunta della balaustra sul lato frontale. Importanti lavori di restauro e di ristrutturazione degli ambienti interni del palazzo furono effettuati alla metà dell‟800. Oltre agli interventi strutturali, nel 1869 fu terminato il rifacimento delle pitture che adornano la Sala Nobile del palazzo, unico ambiente che ancora conserva la decorazione

 FONTANA DEL PALAZZO COMUNALE DI NEPI

 

LA PRENOTAZIONE VA EFFETTUATA IL MERCOLEDI E GIOVEDI DALLE 17-20 (ENTRO GIOVEDI’) PER MOTIVI ASSICURATIVI, ALTRIMENTI NON SARA’ POSSIBILE PARTECIPARE ALL’INIZIATIVA. LE PRENOTAZIONI PERVENUTE SUCCESSIVAMENTE NON SARANNO ACCETTATE. IL LUOGO PRECISO E L’ORA DEL PRIMO E SECONDO APPUNTAMENTO VERRANNO DATI IN FASE DI PRENOTAZIONE.

Il Sentiero degli Elfi è assicurato con la compagnia di assicurazione Unipol Sai.
E’ necessario prenotarsi nei giorni stabiliti al n. 06-2678689, dalle ore 17,00 alle ore 20,00.
Negli altri giorni della settimana è in funzione la segreteria telefonica a cui si può lasciare un messaggio. Per comunicazioni urgenti è possibile chiamare il n. 3477343964.
Il pagamento (10 euro) si effettua direttamente il giorno dell’escursione.
APPUNTAMENTO E SPOSTAMENTI
Si parte da Piazza Re di Roma angolo Largo Vercelli.
E’ previsto anche un secondo appuntamento sul luogo di partenza dell’escursione.
GLI SPOSTAMENTI AVVENGONO CON AUTO PRIVATE TENENDO CONTO DELLE NORME ANTICOVID.
L’associazione non è responsabile per ciò che riguarda i trasferimenti o viaggi effettuati con mezzo proprio, altrui, privato o pubblico.
ABBIGLIAMENTO E ATTREZZATURA PER LE ESCURSIONI DOMENICALI
Sono obbligatorie le scarpe da trekking.
Si consigliano pantaloni comodi, kway o mantella, zainetto (non borse a mano), borraccia, cappello.
INFORMAZIONI GENERALI:
Segreteria: Mercoledi e Giovedì (entro Giovedi)per il Sabato e Giovedi’ e Venerdì (entro il Venerdi) per la Domenica dalle 17,00 alle 20,00 Prenotazioni entro la data stabilita per motivi assicurativi. Prenotazioni pervenute successivamente non saranno accettate.
TEL. 06-2678689; Cell. 3477343964; Sito Web: www.sentieroelfi.net;
Vi invitiamo a visionare il nostro sito visibile direttamente cliccando qui:
CLICCA QUI www.sentieroelfi.net/news per articoli dettagliati
corredati di foto
CLICCA QUI www.sentieroelfi.net/galleria per vedere le foto dei
nostri precedenti viaggi e attività,
LINK facebook: CLICCA QUI

https://www.facebook.com/Il-Sentiero-Degli-Elfi-922973217784954

LINK youtube: CLICCA QUI
https://www.youtube.com/channel/UCyn20ApNJy4NTfm6wfnbRiw
canale di YOUTUBE del Sentiero degli Elfi per filmati effettuati durante le
iniziative.
Link twitter: CLICCA QUI https://twitter.com/SentieroElfi
i nostri social network su cui sono presenti video, foto e scene di viaggio
delle nostre iniziative e aggiornamenti sulle attività.
VI ASPETTIAMO!
Il nostro sito e’ www.sentieroelfi.net.
La nostra associazione IL SENTIERO DEGLI ELFI DI ROMA e’ sempre alla ricerca dal 1992, di aree naturalistiche, parchi, antichi borghi, aree archeologiche e della bellezza nella natura e cultura, anche attraverso visite guidate a luoghi segreti del Lazio e Viaggi nel mondo che riprenderanno non appena conclusa l’emergenza. Vi invitiamo a seguire il nostro canale youtube a nome Il Sentiero degli Elfi di Roma di cui al sottostante link che documenta le numerose iniziative culturali svolte dal 1992 ad oggi!!


Seguiranno aggiornamenti/Per le altre iniziative vedi www.sentieroelfi.net/calendario

clicca  sempre www.sentieroelfi.net/news per aggiornamenti e dettagli singole attivita’ di tutti i settori

(per ogni visita effettuata guarda filmati insieme alla descrizione!!!)