06.267.86.89 cell.347.734.3964

Galleria Fotografica

Galleria Fotografica

Escursioni nella natura


 

Archeotrekking e passeggiate nella storia


 

I grandi sentieri storici


 

Viaggi nella natura in Italia e all’ estero


 

Viaggi culturali in Italia e all’ estero


Visite culturali


I viaggi del cuore

« back to album

CRETA: LE MERAVIGLIE DEL PALAZZO DI CNOSSO E IL MUSEO DI HERAKLION IL SENTIERO DEGLI ELFI DI ROMA ESTATE 2015 CNOSSO e' il piu' importante sito archeologico dell'età del bronzo di Creta. Sorge nella parte centrale dell'isola di Creta, a 6 km dal mare e a 5 km da Heraklion, sul fiume Katsaba (antico Kairatos). Fu un importante centro della civiltà minoica (la civiltà cretese dell'età del bronzo). Il palazzo di Cnosso è legato ad antichi miti della Grecia classica, come Minosse e il labirinto costruito da Dedalo, e quello di Teseo e il Minotauro. Abitato già nel neolitico, divenne un florido centro della civiltà minoica verso il 2000 a.C., epoca della costruzione del grande palazzo che, privo di mura difensive, era simbolo dell'egemonia cretese sul mar Egeo. In questo periodo gli abitanti di Cnosso cominciarono ad avere rapporti economici e commerciali con la civiltà egizia e vengono addirittura dipinti straordinari affreschi prodotti con le tradizionali tecniche degli abitanti del Nilo. Verso il 1700 a.C. un cataclisma, forse un terremoto provocato dall'eruzione del vulcano dell'isola di Thera (l'odierna Santorini), distrusse tutti i palazzi dell'isola, incluso quello di Cnosso. Durante il periodo neopalaziale (1700 a.C.-1400 a.C.) il palazzo venne ricostruito ancora più sontuoso di quello di epoca palaziale, ancora una volta privo di mura difensive, cosa che testimonia la totale assenza di invasioni da parte di altri popoli. Verso il 1450 a.C. Cnosso fu devastata dai micenei, popolazione proveniente dal Peloponneso, come testimoniano i testi in lineare B rinvenuti nel palazzo, finché verso la metà del XIV secolo a.C. la città decadde completamente. Vi sono infine fonti che indicano la presenza di artigiani cretesi nelle città micenee dove veniva apprezzata la loro alta conoscenza nel campo dell'oreficeria. A Cnosso vi era una fiorita cultura degli affreschi. I cretesi dipingevano sulle pareti del palazzo di Cnosso opere eccezionali con la classica visione di profilo tipica dell'arte egizia. Il motivo di questa particolare tecnica rappresentativa è la causa dei continui scambi commerciali e culturali tra la civiltà cretese e quella egizia. Al museo archeologico di Candia sono conservati notevoli affreschi ancora ben conservati che rappresentano scene di giochi con i tori, processioni, ecc. I muri erano ricoperti da intonaci affrescati con soggetti marini, combattimenti con tori e motivi geometrici. Per la prima volta le immagini non erano usate per rappresentare concetti e simboli come nell'arte egizia, ma per abbellire i luoghi di vita. Il rapporto dei cretesi con la natura, specie quella marina, è testimoniato dalla pittura e dall'arte scultorea. La religione cretese infatti attribuiva caratteri divini ad alcuni animali, come il toro e il serpente, che costituivano perciò il soggetto privilegiato delle pitture. IL MUSEO DI HERAKLION è stato completamente rinnovato ed ospita gli artefatti più rappresentativi di tutti i periodi storici dell’isola di Creta coprendo un periodo di 5500 anni che va dal Neolitico sino all’epoca Romana. L’unicità del museo sta nel fatto che qui sono conservati alcuni reperti relativi all’arte Minoica unici nel suo genere: il Museo Archeologico di Heraklion è quindi una tappa imperdibile per gli appassionati di Storia ed Archeologia. CRETA :LE MERAVIGLIE DEL PALAZZO DI CNOSSO ED IL MUSEO DI HERAKLION WWW.SENTIEROELFI.NET